È come se ci fossimo addormentati una notte del 2020 e ci fossimo svegliati nel 2030